27 novembre 2017

Al Castello Ursino di Catania un viaggio tra otto secoli di arte nascosta, da Giotto a De Chirico

Il Castello Ursino di Catania fu edificato tra la fine del 1239 e l’inizio del 1240 per volere di Federico II di Svevia, esso rientrava in un progetto difensivo di ampio respiro. Nonostante le difficoltà economiche imponessero in quegli anni l'interruzione dei lavori di edificazione dei castelli siciliani, quello catanese fu costruito in breve tempo su di un promontorio che si affacciava sul mare ma che riusciva comunque a dominare il centro urbano. Non un’isolata roccaforte, ma una vera struttura urbana a presidio della città, in relazione con la sua configurazione ed il suo sviluppo.


L'eruzione dell'Etna del 1669, però, modificò in parte l'edificio. La colata lavica, infatti, lo circondò lasciando pressoché intatta la struttura ma distruggendone la funzionalità militare a causa del "livellamento" del terreno che alterò così anche la visuale del Castello, reso meno imponente.

La storia del Castello Ursino (la cui origine del nome è tuttora controversa) è da sempre legata ad accadimenti politici e naturali. Per tutto il sec. XIII mantenne il carattere di fortezza per poi divenire dimora reale degli Aragonesi (nel Castello fu convocato il primo Parlamento Siciliano) e, più tardi, dei Viceré Spagnoli.

Giorgio De Chirico, Bagni misteriosi

È stato adibito anche a carcere (nel cortile sono ancora visibili i graffiti dei prigionieri) e utilizzato in seguito come caserma. Restaurato in epoca fascista, dal 1934 il Castello ospita le raccolte civiche in cui sono presenti tre sezioni archeologiche: quella Medievale, quella Rinascimentale e quella Moderna. Nel 1988 iniziò il restauro volto a recuperare alla città di Catania un monumento di inestimabile valore sotto il profilo storico e culturale. (fonte: www.comune.catania.it)

Attualmente il Castello ospita il Museo Civico, importante meta di studio di archeologi, storici e restauratori, è anche il museo più importante di Catania per la vastità e varietà delle collezioni presenti. Al suo interno vi vengono allestite mostre come, attualmente, la rassegna d’arte “Da Giotto a De Chirico. I Tesori nascosti”, un’accurata selezione di lavori raramente visibili, parte di importanti raccolte private nazionali, che si svelano in tutto il loro fascino ai visitatori.

Anton Sminck Van Pitloo, I Templi di Paestum

Un viaggio a ritroso nel tempo che parte dal Duecento per concludersi a cavallo del XX secolo, raccontando l’evoluzione dei principali stili e correnti che hanno contraddistinto la storia dell’arte italiana, da Giotto a De Chirico. 



Da Giotto a De Chirico. I Tesori nascosti, 26 ottobre 2017 - 20 maggio 2018, Museo Civico di Castello Ursino, Piazza Federico II di Svevia, Catania. Biglietto: € 12. Ulteriori informazioni qui.
novembre 27, 2017 / di / 0 Comments

Nessun commento:

Posta un commento