25 maggio 2016

Banksy di scena a Roma con Guerra Capitalismo e Libertà

Banksy risulta essere uno dei personaggi del mondo dell’arte, al giorno d’oggi, tra i più anomali: difatti è celebre per i suoi murales e i dipinti urbani, tanto da essere rinomato come il principale esponente della Street Art contemporanea, ma questo non gli vieta di continuare a mantenere il mistero sulla sua vera identità e sul suo volto, permettendogli così di separare il soggettivismo dell’artista dal contenuto delle sue opere, oltre che di compiere azioni di guerrilla art come le incursioni nei musei ed in altri luoghi pubblici.

Di lui si sa che è nato a Bristol, forse nel 1974, e che, tra le altre cose, è stato pure candidato agli Oscar del cinema per aver realizzato il film documentario Exit Through The Gift Shop


I suoi lavori risultano essere infarciti di umorismo e umanità, oltre che provvisti di un intento sociale. Le sue opere, infatti, si caratterizzano per la condanna di temi come la guerra, l’inquinamento, il maltrattamento degli animali e il consumismo; i suoi soggetti ricorrenti sono scimmie, topi, poliziotti, spesso ironicamente assunti a soggetto-simbolo di tipologie umane ben distinguibili, ma anche membri della famiglia reale, gatti e bambini.


Il suo anonimato, associato al rifiuto a conformarsi, spiega la difficoltà a inquadrare e definire un artista di tale portata che riesce comunque anche, e forse soprattutto per questo, ad esercitare una certa attrattiva sul pubblico mondiale.

A partire dal 24 maggio - e fino al 4 settembre - si potranno ammirare, anche se indirettamente in quanto nessuna opera è stata sottratta alla strada e le opere presenti provengono da collezionisti privati internazionali, alcuni dei lavori di Banksy nell’ambito dell’esposizione “Guerra, Capitalismo & Libertà” presso Palazzo Cipolla a Roma, ideata, promossa e realizzata dalla Fondazione Terzo Pilastro – Italia e Mediterraneo.


La mostra comprende un esteso corpus artis su Banksy proveniente da collezioni private internazionali. In esposizione dipinti originali, stampe, sculture e oggetti rari, molti di questi mai esposti in precedenza. È al contempo una rassegna caratterizzata da una forte componente didattica destinata alle scuole, che costituisce un’esauriente rassegna scientifica dell’artista noto come Banksy.

La Fondazione ha riunito questa collezione, ampia e senza precedenti, grazie a prestatori provenienti da tutto il mondo. La mostra inoltre ha lo scopo di mettere in luce le grandi capacità artistiche di Banksy, manifestate finora nel corso della sua carriera, evidenziandone le principali fonti di ispirazione: appunto Guerra, Capitalismo e Libertà.



Guerra, Capitalismo & Libertà, 24 maggio - 4 settembre 2016, Palazzo Cipolla - via del Corso 320, Roma. Qui maggiori informazioni.



5/25/2016 12:49:00 AM / di / 0 Comments

Nessun commento:

Posta un commento