25 marzo 2015

A Parma “Mater”: una mostra sulla maternità, da Pinturicchio fino a Crepax

La maternità è un tema che trova spesso terreno fertile in campo artistico essendo identificabile con il mistero della vita, quel grembo primordiale dal quale si origina di continuo il mondo, la realtà. Fin dalle antichissime rappresentazioni steatopigie, fertilità e maternità - in perenne dualismo - hanno rappresentato da secoli il costante rapporto dell’uomo con il divino potendo la maternità essere intesa come espressione del divino e della sua forza creatrice.

La mostra Mater. Percorsi simbolici sulla maternità, visitabile a Parma presso la sede del Palazzo del Governatore fino al 28 giugno, ha l’obiettivo di esplorare l’aspetto sacrale e archetipico della maternità insieme al ruolo centrale che ha sempre avuto nella cultura mediterranea, e questo mediante una selezione di 170 opere che ha visto il coinvolgimento di oltre una settantina di musei e collezioni, e di vari studiosi che hanno contribuito alla scelta di capolavori archeologici e artistici da inserire nella rassegna (da Rosso Fiorentino a Pinturicchio, Veronese, Hayez, Giacometti, Michelangelo Pistoletto, Bill Viola fino a Guido Crepax).

La mostra è suddivisa in quattro sezioni tematiche: Cosmogonie e Dee Madri - La Maternità della Terra e la Maternità del Cielo incentrato sulla rappresentazione secolare del connubio fertilità - maternità, che da sempre identifica il rapporto dell’Umanità con il Divino; tra le opere di maggior rilievo di questa sezione vi sono le rappresentazioni steatopigie degli idoli femminili primitivi (Dea Madre) fino ai grandi miti greco-romani: la celebre Venere di Savignano del Museo Etnografico Pigorini di Roma, l’Ara con Eos del Museo Regionale di Gela, l’Artemide Efesia dei Musei Vaticani, e altre.

Dea Madre, IV millennio a.C., Museo Archeologico Nazionale di Cagliari

La seconda sezione è quella dedicata alla Maternità Rivelata, che vede la maternità assumere una svolta simbolica nella rappresentazione artistica dopo il riconoscimento di Maria come Madre di Dio, avvenuto in seguito al Concilio di Nicea del 325 d.C.; partendo dall’esperienza artistico-religiosa delle icone bizantine, il percorso si sviluppa dal Trecento toscano fino al XVII secolo  con preziosi capolavori su tavola e celebri Madonne con Bambino.

Luca Signorelli, Annunciazione, 1491, Pinacoteca Civica di Volterra

La penultima sezione ha come tema Dalla Maternità Sacra alla Maternità Borghese in cui la maternità si discosta dall’ideale di sacralità della versione precedente per assumere una nuova connotazione nell’ambito della famiglia borghese ottocentesca, indotta dal forte squilibrio sociale dovuto alla rivoluzione industriale e che portò al recupero della maternità come valore nuovo, ben rappresentato dai ritratti di genere di Francesco Hayez e Domenico Induno e dalle magnifiche tele di Felice Casorati e Gino Severini.

Francesco Hayez, Ritratto della contessa Teresa Zumali Marsili con il figlio Giuseppe, 1833, Museo Civico di Lodi 

Infine vi è la categoria rappresentata da: Il secolo breve - emancipazione della figura femminile dai temi archetipici in cui facendo riferimento al tema della Maternità nell’arte del Novecento e delle sue Avanguardie si lascia emergere una figura femminile non più intesa come madre astratta e chiusa in una propria femminilità sacrale, ma una figura in reale competizione con il quotidiano, in cui è la donna - affrancandosi dalla condizione esclusiva di madre - che determina nell’arte una variazione della propria iconografia. Per cui la maternità sacra si trasforma in femminilità seduttiva e il senso procreativo cede il passo ad una rappresentazione estetica concettuale che include un nuovo archetipo femminile, esplicitato in campo artistico dalle opere di Mimmo Rotella, Michelangelo Pistoletto, Max Kuatty, Bill Viola, Mat Collishaw, fino alla celebre icona del personaggio di Valentina, reso celebre da Guido Crepax (di cui ricorre quest’anno il cinquantesimo anniversario).

Bill Viola, Emergence, 2002






Mater. Percorsi simbolici sulla maternità, 8 marzo - 28 giugno 2015, presso Palazzo del Governatore - Piazza Giuseppe Garibaldi 2, 43121, Parma. Per informazioni: info@mostramaterparma.it oppure visitare il sito apposito.
3/25/2015 02:14:00 PM / di / 0 Comments

Nessun commento:

Posta un commento